Progettare insieme i vostri componenti

La fusione di precisione, se ben conosciuta, permette al progettista di ottenere i migliori risultati tecnici e di realizzare la forma a lui piu’ consona, ottenendo la soluzione piu’ pratica anche dal lato economico.
L’uso di getti in acciaio di precisione, oltre a garantire una consistente riduzione dei tempi di lavorazione e quindi dei costi rispetto alle lavorazioni tradizionali, consente oggi l’ottenimento di particolari di forma complessa praticamente nella forma definitiva.
Vengono pertanto eliminate o ridotte al minimo le lavorazioni successive di finitura.
Per ottenere i migliori risultati nel disegno dei vostri particolari, e’ necessario seguire i concetti base della fonderia,evitare percio’ gli spigoli vivi, le superfici piane ed esternamente ampie, e’ preferibile a tal fine ricavare delle nervature.
Queste, in genere, oltre a mantenere inalterata quella che e’ la rigidita’ del pezzo, lo rendono piu’ leggero, risolvendo in alcuni casi il problema del peso.
Evitare forti ingrossamenti di sezione, in modo da mantenere gli spessori il piu’ uniformi possibili.
Sono consigliabili i raggi di raccordo nell’incontro tra le superfici inclinate e perpendicolari.

GLI SPESSORI

Si possono ottenere spessori minimi su materiale di ottima colabilita’ o per superfici estremamente limitate (bordo dei particolari) di 1,5 mm.
Nella norma gli spessori che si possono realizzare sono di 2,5 mm.
Inoltre e’ consigliabile avere le pareti con spessori uniformi e predisporre gli attacchi di colata su superfici piane o nella parte piu’ grossa del getto, in modo di poter avere un alimentazione appropriata.

I FORI

I fori devono avere un diametro minimo pari ai 2/3 dello spessore della parete. Si possono ottenere fori di un diametro minimo di mm. 3; per l’esecuzione di fori con diametro superiore non esistono problemi.
Sono sconsigliabili i fori ciechi. Se i fori richiedono tolleranze strette, si dovra’ prevedere il sovrametallo di lavorazione, fori lunghi e’ bene scomporli creando degli spazi; in questo modo non si ricorrera’ all’impiego di anime ceramiche.

IL PESO

Il peso ideale dei getti fusi a cera persa e’, di norma, da pochi grammi fino a 700-800 grammi; con questo non e’ preclusa pero’ la fattibilita’ di getti di peso superiore.

GLI ACCIAI

Grazie alla possibilita’ di impiego di leghe ferrose come acciai al carbonio bassolegati o altolegati, acciai inox serie 300 e 400, indurenti per precipitazioni, indeformabili da utensili, da valvole, superleghe a base Nichel e Cobalto, il progettista e’ in grado di scegliere la lega piu’ adatta, aumentando cosi’ la qualita’ meccanica del getto.

LA QUANTITA’

La quantita’ richiesta non e’ un fattore determinante; la fusione a cera persa puo’ essere conveniente anche per piccole serie, bisogna pero’ saper valutare tutte le componenti che concorrono al prezzo finale, quali la costruzione dei modelli e della relativa attrezzatura.

OGNI QUALVOLTA AVETE DEI DUBBI SE IL VOSTRO PEZZO SIA O NON SIA ADATTO ALLA NOSTRA TECNOLOGIA INTERPELLATECI.

LE TOLLERANZE GENERALI

La migliore tolleranza lineare che si puo’ ottenere per un getto fuso a cera persa e’:
± 0,7 % della dimensione nominale, con un minimo di ± 0,1 m.m. per quote inferiori ai 14 m.m. Si raccomandano, per le quote non importanti, tolleranze superiori a quelle s.r.l.itate.
Se invece occorressero tolleranze piu’ ristrette si puo’ ricorrere ad una selezione dei getti, con un eventuale aggravio dei costi di produzione e quindi di vendita. Le tolleranze sugli angoli sono di ± 30°.
Per la tolleranza di rotondita’, concentricita’, parallelismo, si possono considerare in linea di massima in ± 0,1 ogni 20 mm. di quota.
Il mantenimento di tolleranze ristrette trova degli ostacoli, (per fortuna tante volte non insormontabili) dati dalla linea di giunzione delle due unita’ dello stampo, si prega di precisare gia’ in fase di offerta quali saranno le quote piu’ importanti da rispettare ed a quale punto sia possibile l’alimentazione del getto.

RUGOSITA’

Il getto fuso a cera persa ha una rugosita’ superficiale variabile di 3 ÷ 5 micron, a seconda del tipo di materiale che viene impiegato.

QUALITA’

Per ottenere getti di buona qualita’ e’ necessaria un’accurata progettazione, che tenga presente dei suggerimenti descritti, con l’obiettivo reciproco di ottenere un prodotto finale privo di difetti e di irregolarita’, rispondente alle caratteristiche specifiche richieste.
Ricordatevi che i nostri tecnici sono sempre a Vostra disposizione per fornirvi realistiche informazioni su ogni particolare, in modo da poter impostare uno studio corretto sul particolare o i particolari che voi vorrete produrre.

RICHIESTA D’OFFERTA

Per una sollecita evasione di ogni richiesta d’offerta si chiede, da parte del cliente, la massima cura nel precisare gli eventuali elementi essenziali utili alla stesura della stessa.
Essi sono:
– quando sia possibile, disegno 3D o cartaceo e campione del particolare, con precise indicazioni circa le tolleranze;
– tipo di acciaio che si vuole impiegare;
– quantitativi ordinabili;
– eventuali precisazioni per esigenze particolari;
– il tipo di trattamento termico richiesto;
– controlli particolari secondo specifiche di qualita’;
– possibilmente indicare dove si vuole il punto di alimentazione (attacco di colata);
– indicazioni sull’imballo e le modalita’ di spedizione, tenuto conto che in genere la merce si intende fornita franco stabilimento F.M.P. s.r.l.;